Categorie
Norme redazionali

Norme redazionali

– Il testo non deve superare le 20.000 battute, spazi inclusi.

– Il testo (in formato world) dovrà essere mandato all’indirizzo paolodemontis.ssg@gmail.com.

– I contributi potranno essere in italiano o in inglese.

– All’articolo dovrà essere allegato un abstract di massimo 1000 caratteri. Tutte le immagini allegate all’articolo dovranno essere accompagnate da un’autorizzazione alla riproduzione (a meno che non siano di pubblico dominio) da parte dell’ente titolare dei diritti d’autore.

– Le citazioni vanno inserite con le doppie virgolette in alto (“ ”); se brevi (meno di tre righe), nel corpo del testo. Le citazioni lunghe, in corsivo, con stacchi rispetto al testo principale, senza virgolette di apertura e di chiusura.

– Si richiede l’utilizzo delle citazioni bibliografiche lunghe nelle note. La bibliografia dovrà essere composta secondo il seguente modello:

Prima lettera del nome e cognome dell’autore, titolo in corsivo, luogo e anno di pubblicazione.

Si vedano i seguenti esempi:

Libri: L. G. Boccia, Armi Bianche Italiane, Milano 1978.

N. Di Carpegna, Brescian Firearms, Roma 1997.

Sezioni di libri o cataloghi: L. G. Boccia, Armature in Armi e armature lombarde, a cura di L. G. Boccia, F. Rossi e M. Morin, Milano 1980, pp. 13-177.

L. G. Boccia, Schede delle armi, in I Farnese, arte e collezionismo, a cura di U. Bile, M. Confalone e B. M. Savy, Napoli 1995, pp. 458-491.

Atti di convegno: N. Di Carpegna, Brescia, o Milano, o Firenze? Molti interrogativi e qualche proposta, in Armi e Cultura nel Bresciano 1420-1870, Atti del Convegno (Brescia, 28-29 ottobre 1980), pp. 77-98, Brescia 1981.

Articoli: M. Cartesegna, Armaioli piemontesi dei secoli XVII e XVIII, in «Armi antiche», 1984, pp. 3-43.

J. Mann, The Lost Armoury of the Gonzagas, part II – The Libro Aquila, in «Archeological Journal», C, 1943, pp. 16-127.

E. Schalkhausser, Die Handfeuerwaffen des Bayerischen Nationalmuseums, in «Waffen- und Kostumkünde», 9, 1967, pp. 1-27 e 117-131.

M. Morin, Two Combination Weapons Firing Superimposed Loads, in «The Journal of the Arms and Armour Society», Vol. VII, March-June 1973, pp. 257-262, tables LXII-LXVIII.

A seconda della tipologia di rivista, si dovrà specificare le specificità del numero (anno di uscita, numero del volume ecc) e le pagine dell’articolo.

Per le fonti archivistiche si rimanda al seguente schema: indicazione dell’archivio (che può essere abbreviata se ripetuta), fondo, sezione e sottosezioni dei fondi, numero delle buste, data del documento o numero identificativo (se presente).

Si vedano i seguenti esempi:

Archivio di Stato di Firenze (da ora in poi ASF), Carteggio Universale, Cosimo I, Appendice al carteggio di Cosimo I, 616, 19, c. 257 r.

Archivio di Stato di Brescia (da ora in poi ASB), Archivio Gambara, Busta 114, Mazzo I. 2 n. 3.

Archivio di Nave (da ora in poi AN), Sezione Antico Regime [1509-post 1785], busta 2 fascicolo 1, Documenti notarili e scritture private, 11 gennaio 1542, notaio G. Battista Martinelli.

Categorie
Presentazione

Appunti di Oplologia

Il progetto, collegato alle pagine Facebook e Instagram di Oplon, si propone di offrire uno spazio agli studiosi (accademici e no) per brevi pubblicazioni legate alla storia delle armi antiche, con particolare attenzione al periodo che intercorre tra gli ultimi secoli del Basso Medioevo e la seconda metà dell’Ottocento. Verranno affrontate anche tematiche di settori in stretto rapporto con la disciplina, come la museologia, la storia dell’arte, il restauro e la storia militare.
Il comitato scientifico, formato dai due amministratori del blog, si riserverà di proporre i contributi che verranno mandati a dei revisori esterni, scelti a seconda delle tematiche affrontate negli articoli. I contributi potranno essere in italiano o in inglese.
L’obiettivo è quello di offrire un nuovo spazio di studio e confronto agli ricercatori dell’ambito e anche agli appassionati, in un formato accessibile a tutti.


Copyright © 2022 Appunti di Oplologia. Tutti i diritti riservati.

Categorie
Articolo

Un cannone con la culatta configurata a testa di moro nella Loggia della Mercanzia a Genova (1590 ca.)

Qualche tempo fa, nell’osservare i bassorilievi marmorei che ornano la Loggia della Mercanzia detta anche dei Banchi, nel centro Storico di Genova, che fu riedificata nell’attuale forma tra il 1589 e il 1595, la mia attenzione è stata attratta in particolare dal fregio d’armi rappresentato nel riquadro centrale, opera al pari degli altri due degli artisti/artigiani di origine ticinese Battista e Taddeo Carlone, zio e nipote.

La cinquecentesca Loggia della Mercanzia in Piazza Banchi a Genova.
Il fregio d’armi rappresentato nel riquadro centrale.

Tale apparato insiste sulla simbologia propria di una repubblica come quella genovese e si fonda su elementi iconografici di epoca romana, quali la corazza anatomica e l’elmo alla borgognotta antichizzato, piegati ad esigenze identitarie riconoscibili nel fascio littorio repubblicano e nell’insegna legionaria nella quale i due ovali con volti di imperatori sono sottoposti a quello con la Croce di San Giorgio. Non manca pure l’elemento celebrativo delle vittorie militari sul mare, rappresentato dalla bandiera ornata da mezzelune, motivo ripetuto anche sul puntale dell’asta, che sottende ad un vessillo turco catturato nella Battaglia di Lepanto del 1571, come quello conservato nella chiesa genovese di Santa Maria di Castello. Le armi bianche sembrano tutte di impostazione medievale e moderna, come la spada con impugnatura tortile, le due alabarde e il ferro di un’arma inastata, probabilmente una mezza picca.

Gli armamenti di maggiore attualità in riferimento all’epoca del bassorilievo, compaiono invece nel quadrante inferiore sinistro e sono rappresentati da due cannoni, dei quali spuntano solo la bocca e la culatta e dai loro attrezzi per la pulizia e i caricamento: dal basso verso l’alto, lo scovolo (lanata) per detergere la canna dopo ogni sparo, il calcatoio (refollatore) per compattare la carica di lancio e i borraggi e spingere in sede il proiettile,  e infine la cucchiaia (cucchiara) per inserire la polvere nella camera di scoppio. La citata culatta è abbastanza interessante perché, invece di terminare con il classico pomo sferoidale, è configurata come una testa umana rappresentando un personaggio che i capelli crespi e i tratti fisionomici ci indicano di ascendenza africana.

Particolare ingrandito della culatta di uno dei cannoni raffigurati nel fregio

Questa testimonianza scultorea sembra confermare le evidenze archivistiche e materiali che avevo rilevato nei miei studi, circa la predilezione per questa tipologia decorativa durata oltre due secoli nelle artiglierie genovesi, a fronte di una sua quasi totale assenza rilevabile ad esempio nei pezzi di produzione veneziana1. Le denominazioni di molte bocche da fuoco annotate negli inventari cinque-seicenteschi si riferiscono infatti quasi sicuramente a personaggi o animali anche fantastici, rappresentati sulle loro culatte; citiamo il Mustafà, la Fantinetta (ragazzina), la Strega, il Vecchio, il Villano, il Moro, il Morione (testa di guerriero con elmo), il Vitello, il Torello, il Leone, il Buffalo, il Bue, il Lupo, il Cane, il Porchetto, la Pecora, la Scimmia, lo Scorpione, il Grifone, il Basilisco e l’Unicorno.

Oltre a queste informazioni di fonte archivistica, ho potuto anche raccogliere alcune interessanti sopravvivenze materiali rappresentate da pezzi d’artiglieria genovesi giunti ai nostri giorni, che forniscono un sostanziale supporto a quanto ho appena ipotizzato. Eccone una rassegna con le denominazioni mutuate da quelle trovate in archivio:

Smeriglio con lo stemma di papa Paolo III Farnese (1534-1549), fuso dai fratelli Gioardi per la fortezza  di Perugia.  Museum of Art  di  Cleveland (Ohio – USA).
Cannone da batteria prodotto per  la Repubblica di Genova, della quale il grifone rappresenta uno dei noti elementi araldici. Già nel Royal Artillery Museum (UK).
Culatte di cannoni genovesi arrivati a Venezia come rottame da rifusione dopo il Congresso di Vienna (1814-1815), salvate e murate nel recinto dell’Arsenale.

Non si conoscono al momento pezzi d’artiglieria seicenteschi genovesi sopravissuti fino ai nostri giorni, ma è pressoché sicuro che la tradizione delle culatte configurate sia continuata anche su di essi se le ritroviamo pure nel secolo successivo.

Cannone moderno da 36 libbre con lo stemma della famiglia Doria che ne fece dono alla Repubblica di Genova. Museo Storico Nazionale d’Artiglieria, Torino
Sagro fuso a Genova per il Regno di Portogallo e finito ad armare una fortezza periferica del Brasile amazzonico. Museu Histórico Nacional, Rio de Janeiro.
Cannoni  moderni da 36 libbre  prodotti  per  equipaggiare batterie da costa nelle fortificazioni a mare genovesi. Museo Nazionale d’Artiglieria, Torino. Sopra: pezzo in cui si vede raffigurata Caterina Fieschi Adorno, prodotto dieci anni dopo la sua elevazione agli onori degli altari. Sotto: Pezzo donato alla  Repubblica di Genova dalla famiglia Giustiniani, che porta  l’effige di un suo celebrato rappresentante seicentesco.

Per chiudere, menzioniamo due pezzi di dimensioni ridotte, realizzati forse per scopi promozionali e caratterizzati dallo stemma della Repubblica di Genova semplificato.

Modello di cannone (lungh. 61 cm – cal. 28 mm) prodotto probabilmente da un membro della famiglia Rocca. Museo Militare Turco  (Askeri Müzesi), Istanbul.
Pezzo simile al precedente nel Museo Navale (Deniz Müzesi) a Istambul.

Citazione dell’articolo: Renato Gianni Ridella, «Un cannone con la culatta configurata a testa di moro nella Loggia della Mercanzia a Genova (1590 ca.)», in Appunti di Oplologia, 19/03/2023: https://oplologia.hypotheses.org/464


  1. Per la bibliografia si vedano le seguenti opere, dove sono anche citate le provenienze delle immagini qui utilizzate:

    R.G. Ridella, Un cannone con l’effigie di Vincenzo I Giustiniani, Marchese di Bassano, nelle dotazioni d’artiglieria della Repubblica di Genova (XVIII secolo), in La Gazzetta Bassanese, 105, nov. 2005, pp. 2-4.

    Id., Il Grifone ritrovato – Un cannone cinquecentesco della Repubblica di Genova nel Royal    Artillery Museum  a Woolwich (GB), in Ligures, 4, 2006, pp. 158-188.

    Id., Two 16th–century Papal  Esmerils in the  Cleveland Museum of Art, Ohio, and some notes  on bronze pieces of ordnance with a polygonal section, in  Journal of the Ordnance Society, 19, 2007, pp. 5-38.

    Id., Genoese ordnance aboard galleys and merchantmen in the 16th–century, in Beltrame C. – Ridella R.G. (a cura di), Ships and Guns. The sea ordnance in Venice and in Europe between the 15th and the 17th century, Oxford, 2011, pp. 39-56. []

Categorie
Articolo

L’opera di Antonio Fada, gladior. opifex nella Nave (e Caino) di fine Cinquecento e inizio Seicento.

Lo studio della produzione di armi bianche nel Bresciano ha riacquisito nuova linfa, negli anni recenti, con la pubblicazione di alcuni studi incentrati in particolare su Caino, piccolo centro della Valle del Garza dove si produssero lame di spade tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento[1] .

Poco, invece, si è finora detto su Nave, altro centro produttivo della Valle del Garza. A differenza di Caino, le lame prodotte a Nave non venivano in genere iscritte con il nome del centro produttore[2]. Questa circostanza, insieme alla difficoltà nel reperire i documenti di archivio, non ha consentito la realizzazione di studi specifici[3], almeno finora.

Negli ultimi tre anni, una serie di circostanze fortunate ha permesso all’autore di far luce sulla produzione di un importante spadaio di Nave, Antonio Fada, e forse anche di uno dei suoi figli, Giovanni. I risultati della ricerca verranno presentati nel seguente articolo. La speranza è che esso possa, almeno in minima parte, dare un contributo allo studio della produzione di armi bianche nel Bresciano.

L’opera di Antonio Fada a Nave

Antonio, figlio di Giovanni, nasce nella seconda metà del Cinquecento. Era membro di una famiglia originaria di Lavone in Valle Trompia, dedita all’arte fabbrile a Nave fin dalla fine del Quattrocento[5]. Della stessa famiglia era quel Francesco che nel 1542 dava in affitto all’imprenditore Giacomo Filippo Montini una parte della sua fucina[6]. Il contratto che attesta la transazione è un documento di eccezionale importanza: risulta il più antico documento navense dove si parla specificatamente di produzione di spade.

Il primo documento che testimonia l’attività di Antonio Fada è un atto notarile del 1597 [7], dove egli dichiara di voler costruire un edificio per la molatura di armi e di qualsiasi altra ferramenta. Degno di menzione è il fatto che Antonio sia già indicato, nel documento, come gladior. opifex. Evidentemente forgiava o molava già spade alle dipendenze di uno dei proprietari di fucina del tempo.

Nel 1608 divenne anch’egli un proprietario, con l’acquisizione di una parte di fucina dai fratelli Bosio da Marcheno[8]. Due anni dopo, acquisì dal mercante Gio Angelo Vinciolo un edificio della segheria, per la molatura delle lame[9]. In cambio, cedeva al mercante una delle due parti di fucina in suo possesso. Tale circostanza, insieme alla mancata citazione di edifici da mola nei documenti precedenti, lascia presupporre che i propositi espressi nel documento del 1597 non abbiano avuto realizzazione.

La morte di Antonio è da collocarsi prima del 1638. In quell’anno infatti i suoi due figli, Giovanni e Andrea, furono costretti a vendere l’edificio al notaio Geronimo Avenone di Nave[10], a causa dei tanti debiti accumulati. Il fatto che nel documento riportante la transazione si faccia riferimento all’edificio intero è meritevole di attenzione: evidentemente Antonio, prima di morire, era riuscito ad acquisire anche le altre due metà della fucina.

Un documento del 1675 testimonia come Giovanni al tempo fosse riuscito a riottenere la fucina, anche se l’atto notarile non documenta la più piacevole delle situazioni. Lo spadaio, infatti, concedeva l’edificio in garanzia alla Scuola del SS.mo Sacramento di Nave, in cambio di un mutuo[11]. L’edificio rimase in possesso dei Fada fino al 1695, quando fu venduto dagli eredi dell’oramai defunto Giovanni[12].

La cessazione dell’attività dei Fada andò di pari passo con un cambio di rotta a Nave: la produzione di lame, non più redditizia come un tempo, cedette gradualmente il passo a quella di attrezzi agricoli. A Nave, così come negli altri grandi centri produttori situati in territorio veneziano, non era più tempo di spade.

Le spade di Antonio Fada

Ad Antonio Fada è da ascrivere il marchio della AF coronata, nella forma grafica che compare su tre spade, conservate rispettivamente al Museo di Arte Applicate di Milano [13], alla Wallace Collection [14] e al Musée de l’Armée [15]. Quest’ultima, oltre alla AF coronata, reca il marchio di Caino.

Spada da lato a due ponti, 1600-20, Caino (Maestro MS) e Brescia, Metropolitan Museum of Art inv. 14.25.1052. Per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art.

Un atto notarile del 1605 attesta i legami del Fada con il centro di Caino[16]. In esso, il maestro navense, insieme ad Antonio Venturelli, testimonia a favore dello spadaio feltrino Matteo Meneghetti («homo da bene fidele et bonissimo maiestro nel arte de far spade»), arrestato a Verona per aver portato delle armi nel centro urbano. Nel documento, Fada viene indicato come «spadaro in Navi nella fusina del sud(ett)o Sasso». Il riferimento è ad Antonio Sassi, maestro spadaio operante a Nave, che nel 1604 si ritrovò a gestire, insieme ad Angelo Vinciolo, la fucina del defunto fratello Matteo a Caino. Tra le altre cose, Sassi arruolò a Serravalle, nel Trevigiano, Meneghetti per farlo lavorare nella fucina del fratello. Evidentemente anche Fada operò brevemente – forse saltuariamente – a Caino, su chiamata del suo già datore di lavoro a Nave, Antonio Sassi. Perciò l’AF coronata, senza o con il marchio di Caino, è attribuibile all’opera dello spadaio navense [17].

Il marchio di Antonio Fada, nella forma che si ritrova sulla spada della Wallace Collection.

Il pezzo conservato al Musée de l’Armée è una spada da lato a due ponti, con il fornimento ageminato in argento a rombi inquadranti fiori su fondo bronzato. Decorazioni molto simili si ritrovano comunemente su spade marcate Caino[18]. Una fornimento decorato in maniera analoga compare anche in un Ritratto di gentiluomo, realizzato da Tanzio da Varallo intorno al 1620 e attualmente conservato al Cleveland Museum of Arts [19].

Tanzio da Varallo, Ritratto di gentiluomo, 1620 c. Cleveland Museum of Art inv. 1985.143. Per gentile concessione del Cleveland Museum of Art.

Il legame tra le suddette decorazioni e le spade marcate Caino lascia supporre che questo stile fosse ampiamente utilizzato dai decoratori bresciani. Come scriveva il capitano Giovanni Da Lezze nel Catastico bresciano del 1609-10, le lame forgiate nelle fucine di Caino, Nave e Gromo – quelle non destinate all’esportazione – venivano montate a Brescia, con fornimenti forgiati in Valle Trompia e decorati in città da maestranze specializzate [20].

Particolare della foto precedente.

Di provenienza inglese[21], invece, è il fornimento della spada della Wallace Collection, datata intorno al 1605-15. Il fornimento di questa spada – ageminato in argento a mascheroni, fiori e viticci su fondo iscurito – è in tutto simile a quello di un altro pezzo nella stessa collezione[22], con lama che reca la firma – forse apocrifa – SANDRINVS SCACCHI e la marca di un toro, da attribuire allo spadaio solinghese Jaspar Bongen il Vecchio [23]. Entrambe le spade provengono dalla già collezione Meyrick; secondo quanto affermato dallo stesso collezionista, la più ricca delle due – quella con l’iscrizione e la marca del toro – sarebbe frutto di un rimontaggio avvenuto in tempi recenti[24].

Spada da lato, 1605-1615, Nave (Brescia) e Inghilterra, Wallace Collection inv. A 597. Per gentile concessione della Wallace Collection.

Diversamente, la spada con il marchio inquadrante la sigla AF coronata, da attribuire alla produzione di Antonio Fada, non è documentata come un recente rimontaggio. È possibile che lama sia arrivata in Inghilterra ancora in epoca d’uso, considerando gli importanti rapporti commerciali tra i centri produttivi in territorio veneziano e il mercato inglese, già documentati nel Cinquecento [25].

Spada da lato, 1605-1615, Nave (Brescia) e Inghilterra, Wallace Collection inv. A 597. Particolare: fornimento e parte superiore della lama. Per gentile concessione della Wallace Collection.

Oltre al marchio, la lama reca un’iscrizione apparentemente incomprensibile (EBCEBCEBCB da un lato ECBECBECBE dall’altro), tipologicamente in tutto simile a quelle che si ritrovano sulle spade di Caino. Evidentemente era uso comune nei centri della Valle del Garza, Nave e Caino, punzonare le lame con questa tipologia di iscrizioni. L’ipotesi più probabile è che siano delle abbreviazioni di iscrizioni religiose, come dimostrato da una spada marcata Caino in collezione Luigi Marzoli [26]. Essa presenta l’iscrizione IHSIHSIHIHIHSIHSHSIHHSIHS, con un evidente riferimento al nomen sacrum di Gesù Cristo.

Spada da lato, 1605-1615, Nave (Brescia) e Inghilterra,Wallace Collection inv. A 597. Per gentile concessione della Wallace Collection.

L’ultimo pezzo rinvenuto dall’autore con il marchio dell’AF coronata, conservato al Museo di Arti Applicate di Milano, è una spada da lato a quattro ponti con lama esagonale. Presenta il fornimento intagliato a mascheroni, fiori e girali. Un fornimento decorato in maniera praticamente uguale si ritrova al Vhu Vojenské Múzeum di Praga[27]. Allo stato attuale delle ricerche, non è possibile ipotizzare una provenienza di questo tema decorativo. Anche la spada in questione presenta un’iscrizione apparente incomprensibile (ITITITIT da un lato e TITITITI dall’altro[28]).

Spada da lato a quattro ponti, 1620-40, Nave (Brescia), Museo di Arti Applicate di Milano inv. 832. Per gentile concessione del museo.

Conclusione: un’ipotesi circa la produzione di Giovanni Fada

Come si è visto, intorno agli anni Trenta del Seicento, con la morte di Antonio, subentrarono alla guida della fucina da lui acquisita i figli Giovanni e Andrea. Il primo riuscì, in un periodo imprecisato, a riscattare la fucina precedentemente venduta al notaio Geronimo Avenone.

Al Museo Marzoli è conservata una spada da fante di marina [29] che presenta, da un lato, il marchio di una nave e, dall’altro, una GF coronata. Gli stessi marchi compaiono su un coltellaccio conservato nell’Armeria Reale di Torino [30].

La sigla potrebbe riferirsi a Giovanni, figlio di Antonio, mentre è possibile che la nave sia un preciso riferimento alla località, Nave[31]. Non c’è alcuna evidenza che possa garantire un’attribuzione sicura, ma è ipotizzabile che i pezzi menzionati siano stati forgiati nella fucina del figlio di Antonio.

Citazione dell’articolo: Paolo De Montis, «L’opera di Antonio Fada, gladior. opifex nella Nave (e Caino) di fine Cinquecento e inizio Seicento», in Appunti di Oplologia, 01/06/2022: https://oplologia.hypotheses.org/274


[1] Il primo studio specifico sull’argomento è: S. Rossetti, Le fucine della Valle del Garza, Brescia 1996.

Degna di menzione è anche l’opera di Roberto Gotti. Si veda in particolare: Armi antiche a Gardone, a cura di C. Calamandrei, Brescia 2007; Caino, a cura di R. Gotti, Brescia 2011.

[2] Vanno considerate due eccezioni. La prima è una spada da lato (con fornimento moderno) conservata al Museo Bagatti-Valsecchi (inv. 1109; S. E. L Probst, Armi e Armature, in Museo Bagatti-Valsecchi, vol. II, Milano 2004, pp. 751-844; scheda 1282 p. 856), con la lama che presenta l’iscrizione NAVE e il marchio del lupo di Passau. La seconda è un coltellaccio conservato al Museo Nazionale di Budapest, che reca sul ricasso l’iscrizione: «MA SON NAVE VINCIOLI» (Caino. op. cit, p. 80). Il riferimento è, con tutta probabilità, ad Angelo Vincioli, imprenditore e mercante di armi che operò a Nave a Caino tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento.

[3] Un’ipotesi sulla possibile attribuzione di un marchio che ritorna su varie spade, la nave con o senza M, a maestranze di Nave è stata proposta dall’autore in: P. De Montis, La storta per Cosimo I: simbolo e oggetto d’uso, in «Armi Antiche: La spada ritrovata del Perseo di Cellini», 2021, pp. 39-57.

[4] Gran parte dei documenti proposti sono già stati presentati da Sandro Rossetti nel 1996 (Rossetti. op. cit, pp. 44-46).

[5] Un Antonio de Fadis di Lavone, di professione ferarius, è documentato a Nave già nel 1470 (Rossetti. op. cit, p. 85).

Rimane aperta la questione circa la professione di questo de Fadis: spadaio o generico fabbro? Allo stato attuale delle ricerche, considerando anche la penuria di documenti sulla Nave del Quattro e primo Cinquecento, non risulta possibile delineare una risposta convincente.

[6] Archivio di Nave [da ora in poi AN], Sezione Antico Regime [1509-post 1785], busta 2 fascicolo 1, Documenti notarili e scritture private, notaio G. Battista Martinelli, 11 gennaio 1542.

[7] Archivio di stato di Brescia [da ora in poi ASB], Nave, notaio Lorenzo Giacomo Antonio, 10 dicembre 1597.

[8] ASB, Nave, notaio Picino Todesco, 13 gennaio 1608. La metà di fucina viene venduta per il prezzo di 250 lire.

[9] AN, Sezione Antico Regime [1509-post 1785], busta 2 fascicolo 1, Documenti notarili e scritture private, notaio Picino Todesco, 5 ottobre 1610.

[10] AN, Quadra (1563-1762), Carteggio (1563-1762), Busta 1 Fasc. 5, Atti notarili e scritture private, notaio Lucrezio Morando, 14 aprile 1638.

[11] ASB, Nave, notaio Gio Avenone, 6 febbraio 1675.

[12] ASB, Nave, notaio Ludovico Cottoni, 13 ottobre 1695.

[13] Inv. 832; P. Allevi, Museo d’arti applicate: armi bianche, Milano 1998, scheda 382.

[14] Inv. A 597; J. Mann, Wallace Collection Catalogues: European Arms and Armour, II voll., Londra 1962, p. 303; Masterpieces of European Arms and Armour in the Wallace Collection, a cura di T. Capwell, Londra 2011, pp. 184-185; The Noble Art of the Sword: Fashion and Fencing in Renaissance Europe 1520-1630, a cura di T. Capwell, Londra 2012, p. 109.

[15] Inv. J 156; L. Robert, Catalogue des collections composant le Musée d’Artillerie en 1889, vol. III, Parigi 1891, p. 61. Il numero d’inventario è quello riportato nell’opera di Leon Robert.

Un’altra spada con il marchio AF coronata associato a quello di Caino, attualmente in una collezione privata, è illustrata e descritta in: Caino. op. cit, scheda 14.

In tre dei quattro casi esaminati, la A e F del marchio sono una sopra l’altra. Nel pezzo di Milano sono sulla stessa linea.

[16] AN, Quadra (1563-1762), Carteggio (1563-1762), Busta 1 Fasc. 5, Atti notarili e scritture private, notaio Picino Todeschi, 14 giugno 1605.

[17] Va segnalato anche come Antonio Fada sia l’unico spadaio, almeno registrato nelle fonti, operante nella Valle del Garza tra la metà del Cinque e quella del Seicento con quelle iniziali (Rossetti. op. cit, 86-88).

[18] Alcuni esempi: Armeria Reale di Torino inv. G 32 e G 49; (A. Angelucci, Catalogo dell’Armeria Reale, Torino 1890, pp. 243-244 e 247; M. Cartesegna, G. Dondi, Schede critiche di catalogo, in L’Armeria Reale di Torino, a cura di F. Mazzini, Busto Arsizio 1982, pp. 318–425; scheda 143; Caino. op. cit, schede 20 e 22); Stibbert inv. 4754, 4756 e 4757 (Caino. op. cit, scheda 23; S. Picchianti, Le spade da lato dello Stibbert, Livorno 2019, schede 39, 40 e 61); Wallace Collection inv. A 560 e A 564 (Mann, op. cit, pp. 286-287; Caino. op. cit, schede 46 e 47); Kelvingrove Art Gallery and Museum inv. E.1939.65.ii (T. Capwell, The Real Fighting Stuff: Arms and Armour at Glasgow Museums, Glasgow 2007, figg. 25-28).

[19] Inv. 1985.143.

[20] Il Catastico Bresciano di Giovanni Da Lezze (1609-1610), vol. I, con prefazione di Carlo Pasero, Brescia 1969, pp. 451-458.

[21] Wallace. op. cit, pp. 184-185.

[22] Inv. A 596; Mann. op. cit, pp. 302-303: Wallace. op. cit, pp. 184-185; Sword. op. cit, scheda 310.

[23] A. Weyersberg, Solinger schwertschmiede des 16. und 17. jahrhunderts und ihre erzeugnisse, Solingen 1926, pp. 13-14.

[24] Wallace. op. cit, pp. 184-185; Sword. op. cit, scheda 310.

[25] L’espressione forse più significativa di questi rapporti è il contratto stipulato nel 1578 tra gli spadai bellunesi Andrea e Zandonà Ferrara e un mercante e un nobile londinesi, che prevedeva la fornitura di 600 spade al mese per dieci anni (M. Vello, F. Tonin, Spade e spadai bellunesi negli anni 1500-1600, Belluno 2018, pp. 18-19).

[26] Inv. G 197.

[27] J. Šach, Fotograficky Atlas: Chladne Zbrane, Praga 1999, p. 76.

[28] Un’iscrizione uguale si ritrova su una spada da lato a quattro ponti marcata Caino in collezione Stibbert (inv. 2000; Caino. op. cit, scheda 29; Picchianti. op. cit, scheda 89).

[29] Inv. G 146; F. Rossi, N. Di Carpegna, Armi antiche dal Museo Civico L. Marzoli, Milano 1969, scheda 179.

[30] Inv. H 2; Angelucci. op. cit, p. 303.

[31] La nave è documentata come stemma del comune fin dal 1672 (M. Foppoli, Stemmario bresciano, Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia, Brescia 2018, p. 158).

Il primo a ipotizzare la provenienza navense del marchio della nave è stato Francesco Rossi nel 1980 (F. Rossi, Armi bianche, in Armi e armature lombarde, a cura di L. Boccia, F. Rossi e M. Morin, Milano 1980, pp. 178-224; scheda 248). L’attribuzione di Rossi è però da riferirsi ad un marchio cinquecentesco, che compare, tra gli altri pezzi, su una storta e un coltellaccio appartenuti a Cosimo De Medici.

Categorie
Articolo

Brescia o Ferlach? Caso studio: una coppia di pistole a ruota dalla Livrustkammaren di Stoccolma.

Nel suo fondamentale The Art of Gunmaker[1], John Forrest Hayward riporta tra gli esempi caratteristici di armi bresciane a ruota una coppia di pistole da fonda conservate alla Livrustkammaren di Stoccolma[2], forse appartenute a re Gustavo II Adolfo di Svezia (1594-1632).

Databili intorno al 1630, sono complessivamente lunghe 57, 5 cm. Montano canne interamente ottagonali lunghe 39, 9 cm, marcate in culatta con la sigla NH accompagnata da un coltellaccio[3]; il diametro di bocca è di 13 mm.

Coppia di pistole a ruota (fronte), 1630 c., Ferlach?, Livrustkammaren inv. 18026_LRK/18026. Livrustkammaren/SHM (CC0).

Le piastre presentano cartella romboidale, rotino protetto da una briglia semicircolare, scodellino rettangolare, cane a bocciolo con ganascia superiore ricciolata e molla a bracci diseguali. Recano entrambe un’iscrizione sul lato esterno: una recita GVSTAVUS ADOLPHVS König in Schweden MDCXXXII, l’altra specifica che la coppia è entrata nella collezione reale svedese nel 1803, come dono di Massimiliano Giuseppe di Pfalz-Baviera al re Gustavo IV Adolfo. Sono punzonate all’interno con la sigla NM accompagnata da un animale non attribuibile con certezza[4].


Ritratto funebre di re Gustavo II Adolfo di Svezia; (sotto) Battaglia di Lutzen, 1632 c., pittura ad olio su tela, Nordiska Museet inv. NM.0047378, foto: Kristensson, Karolina/Nordiska Museet.

L’apparente contraddizione tra le due iscrizioni – la seconda segnala un’entrata tardiva della coppia nella collezione reale svedese, nonostante sia attribuita a un re di Svezia – è forse spiegabile considerando l’anno che compare nella prima, il 1632, che vide Gustavo Adolfo combattere e morire in Germania. Il dono di Massimiliano Giuseppe di Pfalz-Baviera è probabilmente da considerare come la restituzione ai legittimi proprietari di una coppia di oggetti persi dal re di Svezia nel corso della campagna militare in Germania.

Particolare della tela precedente: smaramuccia tra cavalieri (battaglia di Lutzen). I combattenti sembrerebbero tutti armati con terzaroli a ruota.

Le casse, in legno di noce, terminano con un’impugnatura a sezione tondeggiante e recano la sigla HGH[5]. Sono intarsiate con filetti d’argento sagomati a girali.

I guardamano e i grilletti sono della forma caratteristica delle pistole militari dell’epoca, in linea con la foggia generale delle due armi, dei terzaroli per l’uso bellico “nobilitati” dalla presenza di una decorazione raffinata.

Coppia di pistole a ruota (retro), 1630 c., Ferlach?, Livrustkammaren inv. 18026_LRK/18026. Livrustkammaren/SHM (CC0).

A prima vista, la coppia non sembra distaccarsi dalla produzione bresciana dell’epoca, anche se va considerato un elemento tanto importante quanto atipico: la decorazione delle casse. La sottile trama in filetti d’argento non si ritrova sulle armi bresciane da lusso coeve, caratterizzate invece dalla presenza di placchette in ferro traforate. A cambiare non è soltanto il materiale, ma anche il diverso formato degli elementi decorativi: da una parte dei filetti, dall’altra delle placchette.

L’impiego dei filetti d’argento è caratteristico della produzione di Hans Schmidt, archibugiaro attivo a Ferlach in Carinzia dal 1626 al 1669[6]. Un termine di paragone può essere rappresentato da una pistola a ruota conservata alla Landeszeughaus di Graz[7], in stile bresciano e con una decorazione simile alla coppia di Stoccolma. La predisposizione di Schmidt verso la costruzione italiana della ruota è in piena sintonia con la produzione di Ferlach, dove si ritrovano spesso armi “alla bresciana”. Anche in altri centri della Germania (Augusta, Norimberga) si producevano armi militari di questo tipo, tuttavia il rapporto tra Brescia e Ferlach sembra essere più profondo, non limitato esclusivamente all’ambito bellico.

Particolare di una carabina a ruota – in questo caso in stile tedesco – firmata da Hans Schmidt, 1650 c., Cleveland Museum of Art inv. 1959.127. Per gentile concessione del Cleveland Museum of Art. Si noti la decorazione della cassa, a filetti e a placchette sagomate in argento.

Alla Landeszeughaus di Graz è presente un nutrito gruppo di armi a ruota militari “alla bresciana”[8], che recano sulla canna il marchio dello stesso Schmidt o lo stemma del conte Sigismondo Ludovico di Dietrichstein (due coltelli per la potatura delle viti affiancati[9]), soprintendente dell’arsenale di Ferlach[10]. La ripresa del gusto bresciano si può considerare come una delle caratteristiche della produzione, civile e militare, del centro austriaco[11].

Hollenburg, Sigismondo Ludovico di Dietrichstein, 3 kreuzer 1652, asta Dorotheum.

Non sono ancora chiare le ragioni dietro tale tendenza produttiva, anche se è possibile che sia collegata alla totale mancanza di una produzione bresciana di ruote per armi militari. Essa è testimoniata a più riprese dai rettori veneti di Brescia, che in varie circostanze si rivolsero al mercato tedesco per la fornitura di ruote per terzaroli[12]. L’ampio numero di armi carinziane “alla bresciana” induce a pensare che Ferlach (insieme ad Augusta e Norimberga) abbia ampiamente risposto alla domanda di Brescia. Una risposta che forse vide anche, come conseguenza, la creazione e l’affermazione di un prodotto “alla bresciana” slegato dalle esportazioni e sfruttabile per il mercato civile.

A indicare Ferlach come possibile centro di origine della coppia di Stoccolma sono anche le sigle presenti sui due pezzi. Come anche evidenziato da Di Carpegna[13], due su tre presentano un’H come iniziale, difficilmente riconducibile a maestri italiani. È pur vero che a Brescia – fin dagli ultimi decenni del Cinquecento – operavano maestri fiamminghi e tedeschi[14], ma in numero limitato. Oltretutto, ciò non spiegherebbe lo stile decorativo delle due armi, riconducibile più a Ferlach che Brescia.

In ultima analisi, esiste più di un elemento per considerare l’origine carinziana della coppia di Stoccolma, anche se – in mancanza di riscontri documentari – l’attribuzione non può che essere valutata in via ipotetica. L’esame degli oggetti ha comunque permesso di riconsiderare la problematica relativa ai rapporti tra Brescia e Ferlach, un tema spinoso meritevole di ulteriori studi e approfondimenti.

Citazione dell’articolo: Paolo De Montis, «Brescia o Ferlach? Caso studio: una coppia di pistole a ruota dalla Livrustkammaren di Stoccolma», in Appunti di Oplologia, 20/08/2023: https://oplologia.hypotheses.org/274


[1] J. F. Hayward, The Art of Gunmaker, Volume  I: 1500-1660, Londra 1962, n. 43 c.

[2] Inv. 18026_LRK/18026: 4776.

[3] N. Di Carpegna, Brescian Firearms, Roma 1997, I. 330.

[4] Di Carpegna. op. cit, I. 333.

[5] Di Carpegna. op. cit, I. 243.

La stessa sigla si ritrova su un archibugio conservato al Castello di Rudolstadt.

[6] Su Hans Schmidt si veda: B. Thomas, Hans Schmidt von und zu Helding: der “Kunstreiche” Buchsenschafter von Ferlach (um 1600-1669), Klagenfurt 1982.

[7] Inv. 416; Thomas. op. cit, tavv. 50-54; urly.it/3nk0z (13/05/2022).

[8] Armi dello stesso tipo si ritrovano pure in altre raccolte museali, in particolare nella collezione del castello di Konopiště, che può vantare ben 14 pezzi (Di Carpegna. op. cit, p. 430). Con tutta probabilità, provengono tutti dall’arsenale di Graz.

[9] J. Stöckel, Haandskydevaabens bedømmelse, band 1 und 2., København 1938-1943, p. 439, nn. 1452-1453; E. Heer, Der Neue Støckel – Band 1, 2 und 3 / Internationales Lexikon der Büchsenmacher, Feuerwaffenfabrikanten und Armbrustmacher von 1400-1900, Schwäbisch Hall, 1978-1982, pp. 1582-1588.

[10] Di Carpegna. op. cit, I. 333; R. Brooker, Landeszeughaus Graz, Austria Radschloss Sammlung/Wheellock Collection, Graz 2007, RP. 591; Id. What Can be Learned from the Landeszeughaus Wheellock Collection in Graz, Austria, in «American Society of Arms Collectors Bulletin», n. 95, aprile 2007, pp. 9-18; 16.

Le pistole sono datate al periodo 1625-35, ma il dottor Leopold Toifl (che ringrazio per l’informazione) mi riferiva che nell’archivio stiriano i primi documenti a riferirsi a delle forniture di pistole da Ferlach risalgono al 1643. Possibile che i primi acquisti da Ferlach non siano stati registrati, o che le armi risalgano agli anni Quaranta del Seicento.

Lo stemma di Sigismondo Ludovico di  Dietrichstein si ritrova pure su alcune armi prodotte da Schmidt, come la già menzionata pistola di Graz, intarsiata in filetti d’argento.

[11] Di Carpegna ipotizza che molti di questi oggetti (compresa la coppia di Stoccolma) siano delle armi bresciane decorate e ritoccate in seguito da artigiani di Ferlach (Di Carpegna. op. cit, I. 330 e II. 401). A parere dell’autore non ci sono motivi per non considerare una produzione autonoma del centro austriaco; quella militare di armi “alla bresciana”- come si è visto – è ben documentata.

[12] M. Morin, The Origins of the Wheel Lock: A German Hypothesis: An Alternative to the Italian Hypothesis, in Art, Arms and Armour: An International Anthology, a cura di Robert Held, Chiasso 1979, pp. 80-99; pp. 90-92.

[13] Di Carpegna. op. cit, I. 330.

[14] Di Carpegna. op. cit, pp. 431-433; P. De Montis, About the development of the Brescian wheellock, in Waffen- und Kostumkünde, 2023, in corso di stampa.

Categorie
Articolo

Uno strano intrigo tra ugonotti e spadai feltrini

Nell’aprile del 1573 a Feltre, città della Serenissima Repubblica di Venezia, furono arrestati due mercanti di spade lionesi di fede protestante, due ugonotti. A chiederne il fermo fu il vescovo della città, Filippo Maria Campeggi, in quanto pare – secondo alcune testimonianze locali – che uno di essi mosse delle critiche alla religione cattolica e in particolar modo al sacramento dell’Eucarestia mentre stava discutendo con degli avventori della locanda in cui egli soggiornava con il collega, la Locanda del Cappello1.

L’undici aprile si tenne l’interrogatorio di uno dei due mercanti ugonotti alla presenza del giudice pretore e del notaio del vescovo. Il mercante si chiamava Giovanni, figlio del fu Piero de Coli da Parigi. Egli era già venuto altre volte a Feltre e sempre per lo stesso scopo: acquistare spade dagli armaioli locali. Per qualche istante è necessario lasciare la parola allo stesso Giovanni, riportando per intero un brano della testimonianza da egli rilasciata con i nomi degli spadai che fecero affari con lui e con il suo collega che sappiamo, dai documenti archivistici, chiamarsi Filippo:

La prima volta che fui qui a fare fare lame de spade, che possono essere già dieci anni, mi servii da un Jacomo de Nicodemo, un Orlando et un altro da Fonzaso che non me ne ricordo il nome, se ben lo viddi già pochi dì che è vivo. Et la seconda volta qui a Feltre da detto Giacomo de Nicodemo, da un Orlando e da un magistro Ambrosio et da un messer Gio. Piero et hora mi servo del detto Giacomo di Nicodemo, et di magistro Ambrosio et di Orlando et di un Vettore de Parrino che sta a Formigano2

Quindi la prima volta i due mercanti, o almeno Giovanni del fu Piero de Coli, erano giunti a Feltre nel 1563 circa. Uno dei loro fornitori abituali era Giacomo figlio di Nicodemo, pure esso spadaio e originario di Fonzaso3. Poi c’era Orlando che probabilmente era Orlando de Zuliano, un importante spadaio feltrino che qualche mese prima, a fine gennaio del 1573, aveva stipulato un contratto con un mercante di spade messinese, tal Nicolò Felippi4. Lo spadaio Ambrogio probabilmente è da identificare con Ambrogio dall’Acqua, mentre Vettore de Parrino altri non era che Vettor Parini, proprietario di una fucina in quel di Formegan, forse la stessa in cui operava Antonio Mamani il padre del celebre maestro Pietro da Formicano5.

I santi Vittore e Corona, patroni di Feltre, rappresentati in un affresco (XVII secolo) all’interno della chiesa di San Pietro apostolo a Facen di Pedavena. Da notare la mano sinistra del santo appoggiata sul pomo della spada con fornimento a S.

Ma Giovanni non si limitò a raccontare quello che è stato riportato sopra, infatti:

Io son convenuto con messer Vettore de Parrin da Formigano, in ragione di 30 soldi l’una, et me ne dà cento condotte qui in Feltre, et hoggi apunto lo aspettavo secondo la promessa, et con li altri non vi ho fatto mercato, ma intendo di fare sì come habbiamo fatto per il passato, et me ne hanno promesse cinquecento.

Un quantitativo non indifferente e «le dette spade io le conduco poi per terra in Lione, dove poi le distribuisco a diversi mercadanti chi per Parigi, chi per un loco, chi per un altro, che questa è la mia mercanzia, et professione» affermò l’ugonotto Giovanni il quale, comunque, rimase rinchiuso nelle prigioni cittadine.

Le vicissitudini dei due mercanti francesi in terra feltrina non si conclusero di certo così, infatti nello stesso mese di aprile del 1573, il giorno tredici per la precisione, il podestà di Feltre, Gaspare Venier, scrisse una lettera ai Capi del Consiglio dei Dieci, a Venezia, per informarli degli avvenimenti e per avere un consiglio sul come dovesse agire per dirimere la questione. Dalle parole usate nella missiva si può
intuire che il Venier avesse a cuore il destino dei due mercanti francesi, se non altro per evitare che fatti come quelli appena accorsi si potessero ripetere e magari danneggiassero l’economia locale. Il podestà di Feltre, si lamentò con in suoi superiori delle pressioni ricevute dal vescovo Campeggi, che alla fin dei conti i due lionesi sarebbero rimasti a Feltre e nel territorio non più di otto giorni per poi procedere per la loro strada, tanto che una delle loro tappe era un altro importantissimo centro in cui si producevano armi, ovvero Brescia6.

Al momento non siamo a conoscenza di quale fu la risposta che il Venier ricevette da Venezia, ma i fatti che si susseguirono risultano essere emblematici.

Dalla testimonianza resa il giorno otto agosto del 1573 dal vicario della chiesa di San Giovanni a Pedavena presso la cancelleria dell’Episcopato di Feltre si comprendono molte cose e vengono a galla particolari quanto mai interessanti. Così si espresse il prelato:

Nel tempo che li sopra nominati ugonottj francesi per quanto ho intesi, allhora che erano priggione del Clarissimo Gasparo Veniero all’hora capitano et podestà di Feltre, seppi da Bartholomio fabro da Cividale, che habbita alla Sega di Pedavena, che esso maestro Bartholomio haveva havuto X scudi da detti francesi a buon conto per havere da lui tante melle da spade, cioè per caparra avanti che andassero in prigione, et che mentre erano prigione, esso maestro Bartholomio fu chiamato dal suddetto clarissimo Veniero, da tre o quattro volte, et andandovi voleva che restituisse detti X scudi a detti ugonotti, ma lui non li volse mai restituire, ma che accadendo a detto maestro Bartholomio andare a Cividale, detto Clarissimo in quel mentre mandò alla casa sua et li fece levare tante melle che importano il valore di detti X scudi, e quali me disse che furono portate alla casa di Giacomo Nicodemo che abita sotto Fara; et doppo ancora che detti ugonotti scapparono di prigione, esso maestro Bartholomio mi ha replicato questo fatto essere andato nel modo che ho recitato et testificato de sopra, et tra l’altre volte mi ricordo chel giorno doppo san Giacomo esso maestro Bartholomio mi disse tutto questo venendo da casa sua a Feltre; et che Battista di Galante munaro mi ha detto nella bottega del Tirondola qualmente detti ugonotti doppo che sono scappati dalla prigione sopradetta stettero in Feltre, in casa del sopradetto Giacomo Nicodemo da otto giorni sin tanto che fecero le loro some et aliud dixit ne scire7.

Entra in scena un altro spadaio che altri non è che Bartolomeo Gemosa, importante maestro originario di Belluno, ma operante a Pedavena e padre di spadai, il più noto di questi fu quel Matteo Meneghetti che operò anche a Caino, nel bresciano, all’inizio del Seicento8.

Particolare dello sfondo dell’affresco con i santi Vittore e Corona visto in precedenza: è riconoscibile la veduta di Feltre con le sue mura, i torrioni, ora non più presenti, ed in cima la torre del Castello di Alboino.

Bartolomeo ebbe dieci scudi di caparra dai due mercanti ugonotti per realizzare delle lame (melle) da spada e quando questi furono arrestati il podestà di Feltre in persona chiese allo spadaio di restituire la somma ai francesi, ma egli si rifiutò più volte, tanto che il Venier dovette attendere un viaggio di Bartolomeo a Belluno (Cividale) per inviare dei suoi emissari presso la dimora dello spadaio a far requisire tante lame da spade quante si potevano acquistare con dieci scudi. Esse furono poi portate a casa di Giacomo di Nicodemo e non solo: infatti pure i due mercanti lionesi, appena evasi dalle carceri feltrine, furono ospiti di quest’ultimo per otto giorni, giusto il tempo di far calmare le acque per poi proseguire per la loro strada assieme alle lame che poterono recuperare e ai loro beni che erano stati mandati a prendere – secondo delle testimonianze emesse a maggio del 1573 – da alcuni uomini fatti inviare presso la Locanda del Cappello dallo stesso podestà Venier. Secondo il proprietario della locanda stessa, chiamato anch’egli a testimoniare, i beni dei due mercanti ugonotti erano stati consegnati allo spadaio Giacomo di Nicodemo per ordine del podestà.

Leggendo le documentazioni archivistiche, pare di capire, che fu una sorta di corsa contro il tempo, da parte delle autorità civili di Feltre, per favorire l’allontanamento dei due lionesi prima che il vescovo Filippo Maria Campeggi potesse mettere le mani su di loro, infatti i due fuggiaschi, dopo essere stati nascosti presso la casa di Giacomo di Nicodemo si diressero verso Trento e ad accompagnarli, aiutandoli anche a trasportare le casse con le lame e le spade, fu un lanternaio di nome Giovanni. In città molti vociferavano che dietro alla fuga dei due mercanti ugonotti ci fosse il podestà Gaspare Venier, ma, per l’appunto, nessuna delle voci ebbe conferme e allo stato attuale della ricerca non si hanno notizie di provvedimenti presi nei suoi confronti da parte dei suoi superiori in quel di Venezia.

Il vescovo Campeggi dovette essere molto infastidito, per non dire furente nel venir a conoscenza di questi fatti, probabilmente quella fuga così rocambolesca lo tormentò per molto tempo. Infatti cinque anni dopo, in una lettera che detto vescovo scrisse ad un funzionario del Santo Ufficio a Roma, tra gli altri argomenti egli fece sapere al suo interlocutore che «Tra essi processi vi è uno de quelli Ugonotti francesi che furno fatti scapare dalle prigioni pretorie, come pubblicamente si ragiona, da messer Gasparo Veniero all’hora Podestà di questa terra […]»9.

E’ proprio il caso di dirlo: per una volta la spada, o meglio le spade, ebbero la meglio sul pastorale.

Citazione dell’articolo: Fabrizio Tonin, «Uno strano intrigo tra ugonotti e spadai feltrini», in Appunti di Oplologia, 14/05/2022: https://oplologia.hypotheses.org/96

  1. C. Comel, «Dissenso religioso e Inquisizione nel Feltrino», in Dolomiti, Anno XVII, numero 1, febbraio 1994, pp. 15-16; C. Centa, Una dinastia episcopale nel Cinquecento: Lorenzo, Tommaso e Filippo Maria Campeggi vescovi di Feltre (1512-1584), Roma, 2004, pp. 1197-1200; M. Vello, F. Tonin, Spade e spadai bellunesi negli anni 1500-1600, Belluno, 2018 pp. 13, 58 e 253; F. Tonin, E. Tonin, «“Fui qui a fare fare lame de spade”. Divagazioni su un processo per eresia e sugli spadai feltrini» , in Dolomiti, anno XLII, numero 5, ottobre 2019, pp. 48-58 []
  2. Archivio Vescovile di Feltre (d’ora in poi AVF), Acta Varia, vol. 45, c. 61 r.; F. Tonin, E, Tonin. op. cit, pp. 48-49. []
  3. Vello. Tonin. op. cit, pp. 229-231. []
  4. Vello, Tonin. op. cit, pp. 58-59. Per una panoramica più completa sulla figura di Orlando de Zuliano, si veda anche: F. Tonin, E, Tonin. op. cit, pp. 49-52. []
  5. Per una panoramica più completa sulla figura dello spadaio Ambrogio dall’Acqua, si veda: F. Tonin, E, Tonin. op. cit, pp. 52-53. Su Vettor Parini, invece, si veda: Vello, Tonin. op. cit, pp. 78, 90 e 104. []
  6. Archivio di Stato di Venezia, Capi del Consiglio dei Dieci, Dispacci dei rettori e di altre cariche, busta 159, documento n.85, 13 aprile 1573; F. Tonin, E, Tonin. op. cit, pp. 54-55. Dispaccio citato parzialmente anche in: A. Olivieri, Fra collettività urbane e rurali e colonie mediterranee: l’eresia a Venezia, in AA. VV, Storia della cultura veneta. Dal primo Quattrocento al Concilio di Trento, III, Vicenza 1981, p. 492. []
  7. AVF, Acta Varia, vol. 45, cc. 76 r-v. ; F. Tonin, E, Tonin. op. cit, p. 54. []
  8. Vello, Tonin. op. cit, pp. 58-60, 69, 84-85. Per una panoramica sulla famiglia di Bartolomeo Gemosa si veda anche: E. Tonin, «Note sulla famiglia di Bartolomeo Gemosa detto “Menegeto”, spadaio bellunese» , in Dolomiti, anno XLII, n.1, febbraio 2019, pp. 54-64. []
  9. Centa. op. cit, p. 1857. Citato anche in: F. Tonin, E, Tonin. op. cit, p. 56. []
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search